Reportage

Scritto da Alessandro Maffucci

REPORTAGE
Villa Cibrario - Margone (TO)

L' Ospedale partigiano più importante delle Valli di Lanzo...

 

Il 12 settembre 1943, pochi giorni dopo la tregua, il dermatologo Dr. Attilio Bersano Begey della Croce Rossa italiana ripete ufficialmente il suo vecchio lavoro all'Ospedale Maria Vittoria di Torino. Qualunque cosa abbia fatto, e subito dopo ha contattato le celle di resistenza a Torino.

Per i Garibaldini organizzò da quel momento il servizio medico nelle Valli di Lanzo. All'inizio si trattava solo del trasferimento segreto di prigionieri di guerra feriti da tutto il mondo, dopo che i primi partigiani di Rastrellamenti dovevano essere curati dal punto di vista medico. Mentre il loro trattamento iniziale è stata in gran parte realizzata attraverso una rete di cliniche e ospedali, il cui personale simpatizzato con la resistenza, i reparti della Resistenza durante l'inverno 1943-1944 erano per lo più di inadeguate temporanei: Punti elevati in inverno inutilizzato Almgebäude in cui nemmeno Il fuoco potrebbe essere fatto in modo da non attirare l'attenzione del nemico.

Dr. Begey non poté realizzare la sua idea di una cura del paziente veramente efficiente fino a quando i partigiani non acquisirono influenza e la valle di Lanzo alla fine di giugno del 1944 alla Zona Liberadichiarato. Il 30 giugno 1944 requisirono la villa Villa Cibrario a Margone nell'Alta Viùtal. La grande sala da biliardo del palazzo nobiliare d'ora in poi fungeva da sala operatoria. Un'unità di terapia intensiva è stata collocata in una stanza adiacente, e al primo piano sono stati allestiti tre reparti, uno di loro come reparto di isolamento per i pazienti con malattie trasmissibili. I mobili, i materassi e la biancheria necessari, per il momento erano stati presi in prestito dalle ville circostanti, anch'esse vuote. Piera Brunodet di Valtournenche trovò un cuoco e le donne di Usseglio e Margone si occuparono della lavanderia. Questo compito doveva essere distribuito a molte famiglie diverse al fine di minimizzare il rischio di essere disturbati durante le ricerche dei locali causate da materiale incriminante.

Il bacino di utenza della clinica era enorme e anche consegnato l'aggiunta di Lanzo Valli: Garibaldini portato il loro feriti e dalla Val di Susa sia in auto via Rubiana - Colle del Lys - Viù o camminare sulla fortuna di indossare il Col delle Coupé e Malciaussia. Anche la divisione Stellina di GL ha utilizzato questa rotta per trasportare i feriti a Margone.

 

Fonte: https://resistenza.eu di Sabine Bade e Wolfram Mikuteit


Categoria: